I VANTAGGI DEL LAVORO AL FEMMINILE

A cura di Hellen Moraes

 

 

Lavoro al femminile, perche’ se ne parla così tanto ultimamente.

 

 

Oggi parliamo di un argomento molto dibattuto ma a mio avviso non ancora approfondito nel modo adeguato e ne parleremo con una Donna fantastica, Simona Baccaro, che ha avuto il coraggio, come tutte noi de Il Successo è Donna, di mettersi in gioco.

Lei si definisce “ostinata, sensibile e malinconica” e leggendo le sue risposte capirete che questi aggettivi la descrivono 🙂

 

 

 

Nell’ultimo decennio com’è cambiato dal punto di vista tipologico e qualitativo il lavoro femminile?

Vorrei partire innanzitutto dallo scenario attuale; molte cose sono cambiate per le Donne, dal punto di vista lavorativo, in Italia e nel mondo. Il lavoro femminile extradomestico è diventato un elemento cardine nel contesto socio-economico contemporaneo che impone sempre di più la necessità di un doppio reddito per far fronte alle spese familiari.

Frequentemente però noi Donne ci troviamo a scegliere tra la famiglia o la carriera, riscontrando non solo difficoltà nella crescita professionale ma anche nella gestione degli impegni domestici e lavorativi.

 

Se dobbiamo parlare in numeri, qual’è statisticamente parlando, la percentuale di Donne che riescono a mantenere la loro posizione lavorativa dopo la maternità?

Certo, tanti impegni e poche agevolazioni per le Donne che lavorano e intendono diventare mamme: questo è lo scenario attuale delineato anche dai dati ISTAT 2015.

Addirittura nel 2016 è salita al 78% la percentuale delle dimissioni volontarie delle mamme lavoratrici.

Senza contare poi la disparità di retribuzioni tra “lavoro maschile” e “lavoro femminile”.

 

Beh certo Simona, i dati non sono molto confortanti… come possiamo contrastare questa tendenza negativa?

Ciò che sottolineo sempre è che, per invertire questa tendenza e promuovere il cambiamento, si deve partire proprio dal nucleo familiare, all’interno del quale la Donna deve trovare un maggiore equilibrio.

Chi meglio di una Donna può comprendere i dubbi e le paure di un’altra Donna?

Infatti da Donna ti dico che dovremmo avere una maggiore libertà nella gestione del nostro lavoro per portare avanti gli obiettivi prefissati.

Mi rendo conto anche che tutto ciò necessita di un’importante cambio non solo culturale ma anche di mentalità; si devono promuovere nuovi modelli di business che rispettino i nostri diritti, che  oltre ad un lavoro ed una carriera, permettano a noi Donne di desiderare ed avere  il coraggio di voler diventare mamme.

 

Chiaro Simona ma cerchiamo di far capire nel dettaglio alle Donne, intese anche come forza lavoro, cosa  richiedono i nuovi modelli di business?

I modelli di business innovativi a cui mi riferisco sono quelli che hanno un obiettivo di alto valore, ossia aumentare la presenza delle Donne in ambito tecnologico proprio per incrementare la crescita e la produttività economica del nostro paese. La nuova offerta lavorativa femminile infatti punta alla diminuzione della disoccupazione lavorativa a attraverso la formazione ed il lavoro online in crescente aumento a discapito di quello dipendente.

Il bello della rete è proprio questo; funziona per meritocrazia e rende le mamme e le mogli libere da orari d’ufficio e da scadenze ben precise.

La cosa più entusiasmante è vedere Donne in totale libertà di scelta dei propri spazi e dei propri tempi 🙂

Una donna dovrebbe essere due cose: chi e cosa vuole.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: