TEMPO LIBERO E LAVORO POSSONO ESSERE ALLEATI

A cura di Elisa Pintucci

 

 

 

Ricordo benissimo quanto fosse difficile gestire il tempo lavorando 6.30 al giorno in ufficio.

Sono sicura che non ti stupirai quando ti dico che mi alzavo due ore prima per arrivare in tempo e tornavo a casa due ore dopo aver staccato.

 

Arrivi a casa prepari di corsa la cena, pulisci la cucina, fai i lavori di casa che non sei riuscita a fare e… e la giornata è finita.

 

Questo si ripeteva ogni giorno della settimana tranne la domenica.

 

Devo ammettere che il lavoro che facevo mi piaceva, ero soddisfatta del mio stipendio, dei miei colleghi e riuscivo bene o male a tenere questo ritmo.

 

Succede un evento bellissimo, divento mamma e senza nemmeno rendermene conto volano i mesi di maternità e devo tornare a lavoro ma ahimè questa volta è diverso.

 

Comincio a vivere nel mondo reale delle mamme lavoratrici!

 

Praticamente un incubo.

 

Tutto sembra essere amplificato: ciò che prima sembrava essere normale ora inizia a soffocarmi.

 

Mi rendo conto che sono più stanca, meno valorizzata in quanto mamma e quindi un pochino assenteista, e perdipiù non riesco a godere del tempo con mia figlia come vorrei.

 

Arriva il giorno in cui una lettera  mi comunica che nonostante i dieci anni passati in azienda sono licenziata.

 

Ho avuto mille emozioni in quel momento. Un po’ la delusione di aver terminato un percorso che sembrava essere definitivo per la mia vita lavorativa, un’altra parte di me invece si sentiva sollevata, finalmente potevo passare più tempo in famiglia.

 

Ho passato due anni dedicandomi solo alla famiglia e nel frattempo è nato il secondo figlio.

 

Ora non voglio essere fraintesa ma sentivo che non ero appagata al 100% ( sicuramente lo ero come Mamma) ma esisteva anche Elisa come persona che ha tanta voglia di fare e realizzarsi oltre la famiglia.

 

Tutto cambiò quando ad una proposta di lavorare da casa dissi: “SI”.

 

 

Finalmente potevo realizzarmi nel mondo lavorativo senza sensi di colpa verso la mia famiglia.

 

Sai realmente cosa significa poter decidere il proprio tempo libero?

 

Oggi posso dire di essere felice…  attenzione non voglio dare il messaggio che faccio come voglio e quando voglio, sto dicendo che posso decidere io le mie  priorità.

 

Decido quante ore dedicare al mio lavoro e quanto voglio guadagnare.

 

Quando sentiamo dire che tutto dipende da noi, facciamo l’errore di annuire ma non prendere seriamente questa frase.

 

Oggi mi godo ogni momento dei miei figli senza avere sensi di colpa perché sono sempre presente.

 

Loro godono dei momenti con me senza preoccuparsi quanto dureranno perché hanno la certezza che il mio esserci e’ PER SEMPRE.

 

Amo ciò che faccio e lo faccio perché lo amo.

Questo mi rende la vita migliore.

 

 

Segui l’autrice su Facebook

Segui l’autrice su Instagram

Amo ciò che faccio e lo faccio perché lo amo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: